Ebbene si. Per oltre 15 anni dalla nostra Casa siete passati in tanti: mamme e papà, neonati, bimbe e bimbi, nonne e nonni, fratellini e fratelloni.
Ci avete contattate, conosciute, scelte. Ci avete affidato ciò che di più prezioso avete.
E, pian piano, tanti di questi incontri si sono spesso trasformati in amicizie.

Oggi, voltandoci indietro, ci rendiamo conto di essere state fortunate nel realizzare ciò che desideravamo e speriamo che anche chi ha condiviso con noi l’inizio di un percorso tanto importante e profondo come l’arrivo di un bambino o di una bambina, ripensi con simpatia a quei momenti.

E’ stata per noi un’esperienza piena ed appagante, ricca di relazioni ed emozioni.
Quante volte abbiamo condiviso con voi lo stupore, la scoperta delle “prime volte”: la prima pappa, il primo dentino, il primo passo.
Quante volte abbiamo ascoltato i dubbi, le domande di genitori talvolta lontani dai nonni, che in quei momenti rappresentano una sponda rassicurante.

Queste riflessioni, davvero sincere, volevamo condividerle con voi ora che siamo al termine di questo percorso avviato quindici anni fa.
Ebbene si, care mamme, cari papà e soprattutto cari piccoli ospiti della Casa delle Tate: siamo giunte alla chiusura del nostro, vostro micronido.

Dal 31 luglio 2018 il portoncino delle Tate si chiuderà definitivamente dopo l’uscita dell’ultimo piccolo o piccola. Forse ci commuoveremo (sicuramente ci commuoveremo).
Come tutte le fiabe o le filastrocche che abbiamo intonato in coro con piccole voci ad accompagnarci, ogni storia ha un inizio ma anche un termine.
Per noi questo termine è arrivato.
Ma tutti questi anni, mesi e giorni rimarranno per noi un bellissimo ed indelebile ricordo, come ci auguriamo possa esserlo anche per voi.

Vorremmo chiudervi tutti in un grande abbraccio: grandi e piccini.
E vogliamo augurare a tutti voi un futuro di serenità e gioia continuando in questa meravigliosa avventura che state vivendo, la crescita dei vostri figli.

A tutto voi il nostro GRAZIE!